1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
Testata per la stampa
 
 
 

Contenuto della pagina

Festa dell'Uva Italia

gruppo folk

La Sagra dell'Uva Italia si celebra, dal 26 settembre al 4 ottobre.
 
Nel 1997 è stato riconosciuto dall'Unione Europea il marchio IGP "Uva da tavola di Canicattì".
 
Nell'Aprile del 2005 è stato costituito, con il patrocinio del Comune di canicattì e con la partecipazione dei principali produttori e condizionatori, il Consorzio per la tutela e la promozione dell' Uva da Tavola IGP di canicattì. 
 
L'Uva "Italia" trova nella zona canicattinese l'ambiente ideale per esaltare le proprie caratteristiche: grappoli dal peso di 0,8 - 1 Kg. acini medio grossi, dorati e croccanti, profumo gradevole, che sono le eccellenti qualità che ne hanno fatto apprezzare il prodotto. 
 
L'uva Italia proviene da un ibrido scoperto oltre mezzo secolo fa, un incrocio tra il "bicane" e il "moscato d'Amburgo bianco". I primi innesti a Canicattì, intorno agli anni '30, pare che siano stati introdotti dal comm. Cesare Gangitano.

Durante la festa non c'è solo uva da assaggiare, ma anche pesche, susine, pane casereccio con formaggi, olive e vino locale.

La degustazione è accompagnata da varie manifestazioni di folclore, sfilate di cortei, musica, mostre e spettacoli.

 

La 1° Sagra si svolse nel 1973 per iniziativa del  Sindaco Giuseppe Guarneri,  all'insegna del folklore e della musica e alla presenza di migliaia di persone che gremivano la piazza IV Novembre.

La Sagra da allora si è rinnovata ogni anno sempre di nuove iniziative quale, ad esempio, quella di istituire un « Premio giornalistico nazionale », o di fare sfilare per le vie cittadine i carretti siciliani provenienti da Sciacca, Raffadali, Camastra, Racalmuto e Agrigento.

Protagonista in senso assoluto è comunque l'uva, che viene esposta nei carretti, sulle bancarelle, nelle vetrine dei negozi.

A tale riguardo, fu istituito un premio speciale sin dal 1973 per la migliore vetrina, quella cioè che meglio di ogni altra riesce a dare il senso simbolico della Sagra che ruota intorno a questo meraviglioso prodotto della terra.