1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
Testata per la stampa
 
 
 

Contenuto della pagina

Domenica in Albis

Domunica in Albis

Dopo otto giorni dalla Pasqua c'è la Domenica in Albis, meglio conosciuta a Canicattì come " La festa della Madonna".

Il culto della Madonna a Canicattì è antichissimo e molto sentito, i quali come loro protettrice l'onorano più volte all'anno, festeggiandola e portandola in processione la Domenica in Albis, il Tre di Maggio, l'Otto di Dicembre, il giorno di Natale e per il Capodanno.

La festa della Madonna si celebrava in modo veramente pittoresco nel secolo scorso: la domenica mattina i confrati della chiesa degli Agonizzanti si riunivano al suono speciale della campana nel proprio oratorio e verso le dieci uscivano in doppia fila.
Li precedeva il tamburinaio, poi gli artiglieri con bastoni lunghi e biforcati in punta e nel mezzo delle due file vi era il gonfalone e il capitano.
Tutti erano vestiti in frac e poratavano in mano lunghe lance.

Arrivati in piazza iniziavano il gioco della bandiera lanciandola ripetutamente a grande altezza e riprendendola sulla testa.

Al pomeriggio verso le cinque vi era un'altra riunione, per partecipare alla processione che iniziava dalla chiesa San francesco e terminava alla chiesa Madre.

La Maestranza procede in lunga sfilata avanti le altre Confraternite in abito di rito, i maestri partavano grandi ceri accesi ed il cappello a cilindro in mano.
I borghesi sfilavano con la "rietina" .

Oggi di tutto questo non rimane niente ma resta comunque una delle festività più seguita da noi anche oggi: vespri, luminarie, musica e processione domenicale.

In piazza Roma, a borgalino, il Sindaco offre i fiori alla Madonna, poi si porta la sacra Immagine alla chiesa dello Spirito Santo per uscire il tre maggio.