1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
Testata per la stampa
 
 
 

Contenuto della pagina

Festa San Giuseppe

San Giuseppe

La festività di San Giuseppe, il 19 marzo, era celebrata con particolare sfarzo assumendo il carattere di una rappresentazione teatrale.

Si invitava una persona anziana bisognosa, e si faceva vestire da San Giuseppe, col mantello celeste e con il bastone fiorito.

San Giuseppe si avviava alla chiesa del santo conducendo Maria su di un asinello (una fanciulla con un bambino in braccio), mentre un fanciullo con la tunica bianca faceva da battistrada brandendo una spada.

Dopo la Santa Messa in chiesa si fa ritorno alla casa di chi ha "mantenuto la promessa" facendo trovare la tavola imbandita, dove ha luogo un suggestivo cerimoniale  che vuole rievocare l'ingresso a Betlemme prima della nascita: l'Angelo bussava alle porte vicine chiedendo "un posto per Maria" ma gli si rispondeva "nun si pò!"

Il giro delle porte si ripeteva per tre volte sino a quando le porte si aprivano tra gli applausi dei presenti.

Aveva inizio, così il pranzo con piatti verdi, rigorosamente senza la carne: frittate varie con finocchietto, asparagi, funghi, olive nere, carote e tanti altri ortaggi per decine di portate.

L'Angelo non si sedeva ma faceva il giro, assaggiando dal piatto degli altri.

La festa è celebrata ancora oggi per lo più nelle scuole e nelle parrochie solamente con la Santa messa e la benedizione della tavolata.