Testata per la stampa
 

Feste e Tradizioni

 
Canicattì passa per un paese festaiolo.
 
Questo epiteto si spiega in quanto per molti secoli Canicattì, come tutti i paesi dell'epoca, era un paese feudale e come tale il Barone gestiva il potere in termini assoluti, padrone di tutti e di tutto.

I contadini che costituivano la maggior parte della popolazione lavoravano dall'alba al tramonto e allora la chiesa, per alleviare le fatiche e le pene dei lavoratori, favoriva ed incrementava la festa; tra vigilia con Vespri e festività solenne, il lavoratore fruiva di qualche giorno di riposo.
 
Chiudi la versione stampabile della pagina e ritorna al sito