1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
Testata per la stampa
 
 
 

Contenuto della pagina

Chiesa Madre o S. Pancrazio

Chiesa Madre

Dietro la Piazza XXIV Maggio, costeggiando alcuni edifici, si giunge alla Via Duomo, una gradinata sale al sagrato della Chiesa San Pancrazio o Chiesa Madre.
 
I lavori di costruzione iniziarono nella prima metà del secolo XVIII, grazie all'iniziativa del barone Gaetano Adamo e del fratello don Carlo e possono essere considerati conclusi intorno al 1765. La chiesa viene consacrata il 25 maggio 1874.
 
Nel 1908 fu innalzato l'attuale prospetto, progettato nel 1901 da Ernesto Basile, caratterizzando con la sua bianca ed imponente mole il panorama della città.

La chiesa di stile rinascimentale è dedicata a San Pancrazio di Antiochia, Patrono di Canicattì, il cui culto risale, originariamente il 9 luglio secondo il calendario ortodosso, mentre, oggi viene festeggiato il 3 aprile come da liturgia romana.
 
La Chiesa l'8 dicembre 1965 venne, con decreto del vescovo di Agrigento mons. Giuseppe Petralia, elevata a Santuario del Sacro Cuore di Gesù

 
Schema chiesa Madre

L'unica ampia navata a croce latina, si dilata per mezzo delle grandi cappelle laterali ed il transetto, su cui si affacciano le abside quadrate (tre), custodiscono pregevoli opere d'arte risalenti anche al periodo bizantino.

Nella parete dell'altare maggiore vi è un grande mosaico la cui realizzazione risale al 1973 e raffigura un'imponente immagine del Sacro Cuore di Gesù in mezzo alla Madonna ed agli apostoli.

 
Ecce homo

All'interno di una nicchia, posta nel primo pilone a destra, è custodito un Ecce Homo (originariamente custodito nella Chiesa della Badia), in alabastro rosa, detta "pietra incarnita", le cui venature richiamano lividi ed ematomi.

Nella seconda cappella a destra, entro un'edicola neogotica, è sistemata la statua lignea della B. M. V. delle Vittorie del 1882. Nella stessa cappella si trova una significativa tela settecentesca raffigurante S. Giuseppe, qui attribuito a Francesco Narbone.

Nel transetto destro è collocato il sepolcro di mons. Angelo Ficarra, vescovo di Patti ed insigne figura di pastore e di letterato.

 
 
Apparizione della Vergine

Di fronte si apre la cappella del SS. Sacramento con un'articolata custodia lignea, intagliata e dorata in stile barocco, assemblata nella metà del secolo scorso con elementi secenteschi e di diversa provenienza.

Il coro è stato realizzato nel presbiterio dal palermitano Lorenzo Patti nel 1796. 

 
Sacra Famiglia




 

 
 

Alle pareti del cappellone centrale sono appesi alcuni dipinti tra cui spiccano una B. M. V. del Lume, con ricca cornice, dipinta nel 1734 da un artista vicino all'agrigentino Francesco Narbone e l'Apparizione della Vergine a S. Gaetano, dipinta nel 1770 da saccense Giuseppe Tresca.
 
Dalla chiesa B. M. V. del Carmelo provengono due dipinti: la B. M. V. dell'Itria, firmata da Gaetano Guadagnino nel 1809, e la Sacra Famiglia, capolavoro del racalmutese Pietro D'Asaro del 1633.
 
In quest'ultimo, in primo piano è raffigurato un cesto di frutta che costituisce una delle prime nature morte in Sicilia.

 
La addolorata

Nella cappella del Crocifisso, terza a sinistra, è conservata un'Addolorata, firmata da Francesco Sozzi nel 1783.

Nella nicchia della prima cappella a sinistra è conservata la statuetta della Madonna delle Grazie (risalente al periodo bizantino), la tradizione vuole che sia stata rinvenuta tra i ruderi di Vito Soldano.
 
Si tratta di una copia tardo cinquecentesca della Madonna di Trapani (un'altra copia quattrocentesca è stata trafugata dalla sagrestia poco più di un decennio or sono) fortemente manomessa.

 
foto Madonna delle Grazie

 


 
 
Fonte Battesimale

 

 
Il vestibolo dell'ingresso laterale sinistro è stato adattato a battistero, qui trova posto un fonte battesimale lapideo settecentesco con lo stemma dei Bonanno, signori di Canicattì.